Uccellini in inverno

E’ inverno e volete attirare qualche uccellino vicino alla vostra casa per dargli da mangiare? Volete aiutare  gli uccellini a superare il freddo invernale? Qui sicuramente potrete trovare qualche indicazione e qualche idea!
Avevano già parlato qui di come sia facile incontrare e riconoscere gli uccellini che frequentano i nostri giardini o parchi, o che più in generale si avvicinano alle case. Sicuramente il periodo migliore per incontrarli è l’inverno: il freddo della stagione invernale, la neve che rende più difficile trovare cibo, spingono gli uccellini verso le case in cerca di qualche seme o briciola di pane.
Sicuramente per gli uccellini l’inverno non è un periodo semplice, anche se per sopravvivere al freddo e alla neve hanno sicuramente delle strategie da mettere in atto. A questo link al sito della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) potete trovare qualche informazione in più su come gli uccellini affrontano l’inverno.
Sempre la LIPU fornisce qualche informazione anche su come aiutare gli uccellini a superare l’inverno, in particolare posizionando in giardino o sul balcone una casetta per uccellini con del cibo adatto a loro.
Infatti uno dei sistemi che gli uccelli, ma in generale gli animali, hanno in natura per combattere il freddo è quello di alimentarsi, alimentando così il metabolismo interno che tiene caldo il corpo. L’inverno però non porta con sé solo il freddo, ma anche la scarsità di cibo: gli insetti sono ibernati e quindi non disponibili e spesso la neve copre i prati rendendo più difficile reperire le risorse alimentari. A questo punto è facile capire l’importanza di fornire agli uccellini un piccolo aiuto, come per esempio una mangiatoia o casetta per uccelli.

Come aiutarli

È importante informarsi prima di dare del cibo agli animali selvatici perché il rischio di far loro del male è molto alto. In questo caso la regola fondamentale è quella di non dare assolutamente da mangiare agli uccellini cibo salato.

Cosa mettere allora nella casetta? Io preferisco sempre alimenti naturali, quindi semi (frumento, lino, miglio, ma soprattutto consiglio il girasole di cui vanno ghiottissimi), pinoli, noci o nocciole. Qualcuno consiglia anche briciole di dolci e panettone. Se il vostro giardino è frequentato anche da uccelli più grossi come merli, tordi, cesene, storni e tortore, potete lasciare anche qualche frutto tagliato per terra, come mele, pere e uva, prestando attenzione ad eventuali gatti nei paraggi.

È davvero bello vedere un grande movimento di uccellini diversi attorno alla casetta(se volete provare a riconoscerli provate a fare fare un giro birdwatching in giardino – prima parte o birdwatching in giardino – seconda parte ). Alcuni sono più aggressivi, altri più furbi, alcuni sono più veloci, ma tutti alla fine riescono ad accaparrarsi l’ambito boccone. Qui sotto potete trovare qualche foto scattata proprio nel mio giardino!
Un’altra bella esperienza che è possibile fare è quella di dar direttamente loro da mangiare. Può sembrare strano ma in alcuni luoghi gli uccellini sono così abituati all’uomo che si spingono a prendere il cibo direttamente dalle sue mani. Uno di questi luoghi è la val Roseg a Pontresina, in Engadina, Svizzera, vicino a St.moritz.
In val RosegPontresina si può camminare in un bellissimo bosco dove sono state posizionate delle mangiatoie e casette per uccellini. Potete trovare indicazioni precise su come raggiungere quello che viene chiamato bosco degli uccellini a questo link nella sezione “scheda tecnica”. In questo bosco potrete trovare tanti uccellini così confidenti da posarsi sulle vostre mani a prendere il cibo. Qui di seguito un video che ho registrato col cellulare.
Questo bosco è popolati da cinciallegre, che abbiamo già conosciuto qui, cincie more, cincie dal ciuffo, e cincie bigie, tutte ghiotte di semi, che possono essere acquistati da alcuni distributori posizionati sul sentiero.
Qui di seguito ho inserito qualche foto scattata proprio in quel bosco!
Nel bosco ci sono altri ospiti, come ad esempio la nocciolaia e lo scoiattolo. Lo scoiattolo lo conoscete sicuramente tutti, mentre la nocciolaia è un grosso uccello marrone puntinato che si avvicina alle persone in cerca di arachidi.

Spero che l’articolo vi sia stato utile!

A presto!

 

Annunci